Sistemi di messaggistica: come scegliere il più sicuro

Blog di Messenger

Sistemi di messaggistica: come scegliere il più sicuro

La maggior parte delle nostre conversazioni, sia private che professionali, avviene ormai attraverso i sistemi di messaggistica. Prendere il telefono e chiamare qualcuno può essere visto come eccessivamente invadente e ci limitiamo a scrivere o a lasciare messaggi vocali. Oggi è praticamente impossibile non trovare un PC e soprattutto uno smartphone su cui non sia installata un’app per la messaggistica, ovvero quei software realizzati per essere installati su dispositivi mobile (quindi smartphone e tablet).

Questo cambiamento nel modo di comunicare ha portato con sé diversi interrogativi e altrettante problematiche: su tutte, quella della sicurezza dell’instant messaging. Sotto questo termine infatti ricomprendiamo vari aspetti, sui quali spicca quello ormai onnipresente della privacy. Chi è in grado di leggere effettivamente i nostri messaggi e i contenuti che inviamo attraverso il web, oltre ovviamente al destinatario?

In un’epoca in cui ci sentiamo costantemente sotto l’occhio vigile del Grande Fratello, saper scegliere un sistema di messaggistica sicuro è fondamentale, per la nostra privacy ma non solo. Vediamo quindi quali sono le caratteristiche da analizzare per capire se stiamo utilizzando l’app giusta per noi.

 

Le caratteristiche di un instant messaging sicuro

Posto che il concetto di sicurezza è in parte estremamente personale, dal momento che quello che rappresenta un buon livello di garanzia per me potrebbe non essere sufficiente per altre persone, in linea generale c’è un livello di base che mette d’accordo tutti.

Gli inglesi hanno sempre una spiccata predisposizione nel definire con acronimi quello che – in altre lingue – potrebbe richiedere svariati giri di parole. CIA è infatti l’abbreviazione inglese di confidentiality, integrity e availability (confidenzialità, integrità e disponibilità), ed è quello che occorre analizzare quando si tratta di sistemi di messaggistica:

  1. La confidenzialità altro non è la sicurezza che quel messaggio sia leggibile solo ai partecipanti alla conversazione. Il sistema di criptazione end to end, uno dei più comuni oggi, vuole raggiungere proprio questo obiettivo, ovvero la privacy delle conversazioni. Cercando di andare un po’ più a fondo dell’argomento, dobbiamo sottolineare che due sono i livelli di privacy relativi a una conversazione:
  2. Il contenuto della chat (quindi messaggi scritti ma non solo: anche video, foto, etc);
  3. Le identità delle persone che partecipano alla chat: rendere noto a terzi il fatto che avvenga una comunicazione tra me e altre persone costituisce sempre una violazione della riservatezza personale.
  4. L’integrità è la certezza che quel messaggio non venga in alcun modo modificato. Questa è una caratteristica dell’instant messaging che molte persone danno per scontata, ma in realtà non lo è affatto, soprattutto nelle chat e nella messaggistica professionale.
  5. La disponibilità consiste nell’accesso pratico al sistema da parte delle persone. Quando pensi di aver trovato l’app che fa al caso tuo ma, dal punto di vista concreto, è scomoda da utilizzare perché il download è lento, le funzioni non sono chiare né  intuitive e poche persone, in definitiva, la usano, tanto vale rimettersi alla ricerca di una soluzione più pratica.

Stabiliti questi livelli che accomunano tutti i sistemi di messaggistica più importanti, il resto varia in base alle proprie preferenze personale e al proprio stile comunicativo.