Le 5 app più sicure per l’instant messaging

Blog di Messenger

Le 5 app più sicure per l’instant messaging

Qual è la prima cosa che facciamo al mattino, una volta acceso il nostro smartphone? Beh, probabilmente quella di controllare i messaggi arrivati sulle nostre app di instant messaging. Nemmeno il tempo di prendere un caffè che già siamo lì a rispondere ai messaggi di testo o a lasciare i messaggi vocali. Se poi abbiamo più di un’app per la messaggistica, prepararsi per andare al lavoro potrebbe diventare una lotta contro il tempo. Questo ci porta a capire perché, quando scegliamo un software per le nostre comunicazioni, in genere scegliamo dei programmi intuitivi, facili da usare e anche con tante funzioni. Le emoji e le gif ovviamente devono essere presenti in quantità abbondante, dal momento che rappresentano il cuore delle nostre comunicazioni ormai?

Non sempre ci chiediamo però se le app che abbiamo sul nostro telefono siano anche sicure. Dopotutto, la prima cosa che vogliamo è che i nostri messaggi rimangano privati, ovvero che non vengano letti né da qualche hacker curiosone né da qualche infiltrato che ci spia per delle finalità di marketing e pubblicitarie. Vediamo quindi di individuare le app più sicure!

 

Come scegliere le app per la nostra messaggistica

Un altro dei criteri che ci spinge a scegliere un’applicazione è quello della sua diffusione: quanti dei nostri amici/contatti usano quel determinato programma di instant messaging? Noi però siamo voluti andare oltre, e scovare quelle app che – nei limiti del realistico – possano garantirti quello che oggi ha un valore enorme ovvero la privacy.

  1. WhatsApp è probabilmente l’app più popolare per scambiare messaggi. È semplice da usare, ha tantissime funzioni come le doppie spunte, le emoji e le gif. È anche sicura? Abbastanza, grazie al sistema di criptazione end-to-end, ma appartiene a FB, e che in passato è stata sanzionata per pratiche poco corrette;
  2. Facebook Messenger è un’altra app utilizzata, e su cui troverai almeno l’80% dei tuoi amici. Puoi utilizzarla anche avendo il tuo account FB disattivato. Il lato negativo è che il sistema di criptazione non è automatico e che le conversazioni precedenti alla criptazione sono scoperte. Inoltre, sei geolocalizzato;
  3. iMessage è un’app un po’ meno diffusa rispetto alle due viste ora, e in effetti non è nemmeno il massimo della sicurezza dal momento che il sistema di criptazione c’è ed è automatico, ma non vale per alcune informazioni sensibili (come i numeri di telefono);
  4. Telegram è sempre più utilizzato grazie alla sua semplicità di utilizzo e alle varie funzioni disponibili, tra cui quella di cancellare le conversazioni passate per tutti i partecipanti. Ricorda però che il sistema di criptazione non è automatico;
  5. Wire è un’app open source che soddisfa tutte le normative europee in fatto di protezione della privacy e dei dati. Il problema però è che raccoglie dati sui propri utenti.